CANNA-BIS: i due veri crimini

By on 9-14-2016

cannabis

 

Il più recente e vero crimine riguardante la Cannabis, come al solito legato a ragioni esclusivamente economiche è stato il forzato e strumentale paragone fra THC (che ne è il principale principio attivo) e qualsiasi altra droga chimica e/o sintetica quali eroina, acidi, LSD e pasticche, comprese crack e cocaina.
Il fatto che sia un crimine diviene subito lampante considerandone il diverso, se non opposto funzionamento fisico, medico e biologico.
Quando stiamo particolarmente bene o siamo allegri e felici, oppure durante un orgasmo, il nostro corpo produce naturalmente endorfine, dette anche “ormoni del benessere”: ciò che si limita a fare la cannabis, principalmente attraverso il THC, è null’altro che stimolare l’aumento di produzione di queste sostanze che il nostro corpo produce spesso naturalmente; da ciò dipende anche il fatto che gli effetti della Cannabis su diversi soggetti è sostanzialmente grossomodo lo stesso, adeguandosi però alle singole differenze: ecco quindi che il soggetto che percepisce in quel momento come “benessere” il rilassamento tenderà a rilassarsi, mentre chi avrà la tendenza a divertirsi tenderà più facilmente a ridere.
Il funzionamento fisico e biologico di tutte le droghe sintetiche invece è molto diverso, se non opposto: qualunque sostanza chimica infatti punta dritta alle cellule del cervello distruggendole ed è durante tale distruzione che il soggetto prova il cosiddetto “sballo”; inoltre tali sostanze ovviamente non distinguono, né si potrebbero distinguere, fra cellule più o meno importanti ed ecco spiegato il perché, a volte, un solo acido è sufficiente a provocare danni cerebrali irreparabili, in aggiunta al fatto che le droghe chimiche sono prodotte dagli uomini, il che spesso comporta enormi differenze perfino fra due pasticche della stessa sostanza; al contrario invece e (come saggiamente sottolineava Einstein) proprio perché Dio non gioca a dadi, le foglie di una pianta, così come la quantità di sostanze e la resina che produce sono sostanzialmente sempre le stesse. Ora quindi sarà più chiaro quanto pericoloso possa essere indurre un adolescente a credere che non ci siano differenze fra uno spinello e un acido, o una pasticca di ecstasy.
Il secondo crimine è più antico e riguarda i veri motivi della “demonizzazione” di quella che, non dimentichiamolo, altro non è che una pianta come tante altre. Nel 1933 in America ebbe fine il proibizionismo legato agli alcolici diminuendo inevitabilmente e non di poco il lavoro delle forze dell’ordine americane ed in particolare della polizia di New York che rischiava, per conseguenza, di vedersi tagliare sensibilmente i fondi del governo legati al suo operato: era necessario trovare qualcos’altro di cui occuparsi per evitare una consistente riduzione del budget e la Cannabis, che era un prodotto “non-americano”, ma che era sempre più apprezzata e diffusa fra la popolazione, sembrava prestarsi perfettamente allo scopo.

Questa però non era che la punta di un iceberg costituito da interessi internazionali ben più consistenti: dall’altra parte del mondo infatti, nelle colonie anglo-americane di Africa e Asia, vi erano non poche difficoltà a convincere le popolazioni locali a cambiare radicalmente stile di vita per diventare “consumatori occidentali” e la Canapa aveva in questo processo un ruolo fondamentale: l’intera economia di questi paesi era sostanzialmente fondata sulla Canapa, che forniva alle popolazioni locali la materia prima per costruire praticamente qualsiasi cosa, dai vestiti ai mobili, dalle barche ai carri, fino alle pareti e ai tetti delle case; eliminando la Canapa dalla loro economia queste popolazioni sarebbero state di fatto costrette ad “occidentalizzarsi”… Ed ecco che la sistematica campagna di demonizzazione della pianta, sia dal fronte anglo-europeo, che da quello anglo-americano, ebbe ed ha tutt’ora massicciamente luogo senza nessuno scrupolo quanto alle falsità millantate, compresa la dipendenza che la Cannabis provocherebbe e più volte da vari fronti scientificamente smentita, ma al contrario prerogativa di tutte le droghe chimiche: campagna di demonizzazione che, come al solito, non ha altro fine se non quello economico.

Questa volta ritengo di non proporre alcun link proprio perché potrebbe essere “di parte”, ma invito invece chiunque voglia farlo a documentarsi su queste informazioni, rintracciabili, con un po’ di buona volontà, anche sul web, così da poterne personalmente verificare la correttezza. Nel frattempo un buon risveglio a tutti voi!
Maria Caterina Rappoccio

Finalmente il Primo Master completo di PNL gratuito online

<

Guarda questo video, rifletti e dagli massima condivisione... la gente deve sapere!

............................

Hai già visto il Video Corso Gratuito Completo sulla Legge d'Attrazione, con meditazione finale per invio dell'intenzione?

Dopo il corso guarda anche quest'altro video che dà maggiori dettagli

In questa sezione riportiamo una serie di libri consigliati per la propria crescita personale. Cliccandoci potrai acquistarli direttamente ai prezzi migliori del web.

Risveglio, Fisica Quantistica, Legge d'Attrazione

 

PNL Programmazione Neuro Linguistica

 

Denaro e Mentalità Finanziaria

 

Salute e Guarigione



Pin It on Pinterest

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo ora con i tuoi amici!